L’amuleto di Silvia

Silvia stava cercando il suo amuleto “post-it” da appiccicarsi addosso per ricordarsi verso cosa stava indirizzando la sua vita: l’auto-realizzazione

 

14699972_10154111073608235_1907704857_nIl dipinto che mi ha spedito Silvia.

Le ho spedito alcune proposte, tutti quei simboli che ho sentito richiamare il suo scopo: dalle rune di forza e intraprendenza alla rappresentazione grafica del terzo chakra che è collegato alla forza di volontà e all’azione.

 

Le ho consigliato di meditarci su e di dirmi cosa sentiva adatto a lei… dopo una settimana mi ha scritto: – “ Io sento questo” – inviandomi l’immagine di un quadro con due cerchi concentrici che esulava dalle mie proposte.

Bene, se senti questo realizzeremo questo.”

_20161013_161735
Disegno di progettazione dell’amuleto.

Ancora una volta ho avuto la conferma che quando si parla di simboli la questione è soggettiva e come scrive Alejandro Jodorowsky: “Un simbolo non offre un concetto preciso ma agisce come uno specchio che riflette il livello di Coscienza del ricercatore”.

Il ciondolo vestendo Silvia è come ripetesse a lei e a lei soltanto un matra silenzioso che vibrando le ricorda l’aspirazione per cui l’ha costruito:

“Onoro la forza che è in me.
Il fuoco che è in me brucia tutti i blocchi e le paure.

Porto a termine i compiti facilmente e senza sforzo.
Posso fare tutto ciò che desidero fare.”

 

 

E proprio con il fuoco ho lavorato l’argento per creare i cerchi di Silvia sagomandoli a mano e battendoli in varie maniere per esaltarne l’unicità, perchè Silvia ci si possa specchiare.

 

dsc_1029
Una fase di lavorazione del pendente..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.